Costruita attorno al 1565, costituì per tutto il periodo gonzaghesco il principale accesso alla città.

E’ la più antica delle due porte della città, situata a ovest, rivolta verso la Lombardia spagnola.

Sulla facciata in mattoni a vista interrotti da quattro lesene in marmo bianco bugnato e con tre aperture, una lapide ricorda che "Vespasiano Marchese di Sabbioneta e suo fondatore volle chiamarla Porta Vittoria in segno di buon augurio" per il suo stemma araldico, inquartato con le Armi Gonzaga e Colonna, che compare sulla lapide.